Archive for gennaio, 2011

AGENZIA DELLE ENTRATE: le compravendite immobiliari non sono operazioni rilevanti da segnalare

lunedì, gennaio 31st, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

L’Agenzia delle entrate ha dato precisazione circa le compravendite immobiliari; esattamente, non sono oggetto di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva in quanto rientrano in quelle operazioni già monitorate dall’anagrafe Tributaria. Diverso è il caso di compravendita o al noleggio degli autoveicoli, che devono, invece, essere comunicate alle Entrate (art. 21 DL 78/2010).

Tags: , ,

DICHIARAZIONE IVA: la presentazione della dichiarazione Iva autonoma esonera dalla comunicazione dati

lunedì, gennaio 31st, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Il 28 febbraio, come ogni anno, è la scadenza prevista per la presentazione delle Comunicazioni Iva. I soggetti obbligati sono i titolari di partita Iva che hanno realizzato nell’anno precedente un volume d’affari superiore ai 25.822,84 euro. Tra i casi di esonero si segnala la presentazione della Dichiarazione Iva autonoma entro il 28 febbraio 2011. Al fine, è consigliabile acquisire dai clienti uno specifico incarico all’invio del modello, perché questa nuova modalità di presentazione, non prevista dalla norma, è stata concessa dall’Agenzia delle entrate solo se il pagamento del saldo Iva 2010 avviene entro il 16 marzo; se il contribuente non effettua il pagamento entro la data prevista, il pericolo è che l’Amministrazione si rivalga sull’intermediario.

Tags: ,

F24: le nuove regole di compensazione

venerdì, gennaio 28th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Cambiano le regole per la compensazione dei debiti/crediti tributari dopo la norma prevista dall’art. 31 DL 78/2010. Ci si comporterà diversamente a seconda che la presentazione del modello F24 avvenga prima o dopo l’entrata in vigore del decreto del ministero dell’Economia, atteso a breve in Gazzetta Ufficiale. Il comunicato stampa del 14 gennaio ha reso noto che la sanzione del 50% non si applica se il contribuente mantiene inutilizzata una quota di credito pari almeno al debito erariale pendente. Nel corso di Telefisco si è detto che: “il debito bloccante è costituito, oltre che dalle imposte con sanzioni e interessi, anche dagli aggi e dalle altre spese collegate al ruolo sostenute dall’agente della riscossione”. Una volta andato a regime il decreto non si potrà più effettuare qualunque compensazione se prima non si è onorato il ruolo. In altre parole il dare/avere comprenderà obbligatoriamente e prioritariamente il debito iscritto a ruolo e scaduto, l’eccedenza di credito potrà essere utilizzata liberamente, anche con lo stesso modello F24, fatti salvi gli altri limiti alle compensazioni.

Tags: ,

CASSAZIONE: risparmiatore tutelato dagli illeciti del promotore

giovedì, gennaio 27th, 2011 | Sentenze | Nessun commento

Secondo il principio di responsabilità solidale, i risparmiatori sono tutelati contro gli illeciti dei promotori finanziari. L’intermediario non può sottrarsi al pagamento del danno sostenendo che la protezione offerta dalla legge è limitata ai prodotti finanziari della Sim. Il risarcimento al risparmiatore è comunque dovuto. Il caso è trattato dalla sentenza della Cassazione n. 1741 depositata il 25 gennaio; nella fattispecie è condannato, anche in termini penali, il promotore per aver convinto il cliente ad investire somme rilevanti all’estero con versamenti in assegni alla banca fiduciaria ed una società di San Marino. La Cassazione osserva che il nostro impianto normativo tende a rafforzare le garanzie del risparmiatore a fronte di un rapporto tra intermediario e promotore, dove il primo di avvale del secondo nell’organizzazione di impresa. L’intermediario non può sgravarsi delle responsabilità e neppure addossare al risparmiatore l’onere della scelta, che a suo avviso va effettuata in investimenti di prodotti dello stesso intermediario.

Tags: , ,

INPS: le istruzioni per il versamento rateale dei debiti Inps con F24

mercoledì, gennaio 26th, 2011 | Lavoro | Nessun commento

Con il messaggio n. 1484 del 21 gennaio 2011 l’INPS fornisce le istruzioni operative per il versamento rateale dei contributi in fase di riscossione dopo le novità in vigore dal 1° gennaio 2011, che impongono l’utilizzo del modello F24. In particolare, le modalità di compilazione della sezione dedicata del modello F24 ed i codici da apporre sul modello saranno riportati nella lettera di accoglimento della domanda emessa dall’Istituto. L’accertata irregolarità del versamento dei contributi correnti e/o il mancato versamento di due rate consecutive comporterà la revoca della rateazione.

Tags: , ,

LAVORO: il part-time in controtendenza sul numero di assunzioni

mercoledì, gennaio 26th, 2011 | Lavoro | Nessun commento

Il contratto di lavoro part-time, secondo gli ultimi dati Istat, rileva una ripresa delle assunzioni. Le caratteristiche principali del contratto prevedono un orario lavorativo inferiore rispetto a quello previsto dalla legge o dalla contrattazione collettiva; lo si può stipulare sia a tempo determinato sia a tempo indeterminato; l’assunzione può avvenire direttamente oppure, con separato e successivo accordo scritto tra le parti, mediante la trasformazione del rapporto full-time. L’accordo deve essere convalidato dalla direzione provinciale del Lavoro competente. Per agevolare la diffusione dei contratti part-time, sono state introdotte nuove clausole: flessibili ed elastiche. Le prime consentono di cambiare la collocazione temporale dell’attività lavorativa, non la quantità di lavoro. Le seconde consentono al datore di aumentare la durata della prestazione lavorativa fissata in origine, senza che le ore aggiuntive siano computate come straordinario, con l’applicazione delle maggiorazioni previste dalla contrattazione collettiva.

Tags:

CALL CENTER TELEFONICI: stop alle chiamate pubblicitarie, il registro attivo dal 1° febbraio

martedì, gennaio 25th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Sarà attivo dal 1° febbraio il registro dove annotarsi per non essere più contattato dai call-center ed evitare di ricevere chiamate promozionali di qualsiasi genere: basterà iscriverci il proprio numero (anche più di uno). L’albo è stato istituito dal ministero dello Sviluppo economico, la gestione è affidata alla fondazione Ugo Bordoni, un ente di ricerca in materia di telecomunicazioni. L’iscrizione si potrà effettuare in qualsiasi momento, anche nei giorni festivi, compilando un modulo elettronico sul sito web del gestore con i propri dati anagrafici, codice fiscale, indirizzo di posta elettronica e telefono. Si potrà chiedere di essere inseriti nell’albo anche via mail, chiamando dalla linea interessata un numero verde, mediante raccomandata o fax, allegando un documento di riconoscimento. Il Garante per la protezione dei dati personali può accedere al registro in qualsiasi momento per effettuare le ispezioni previste dalla legge. I call-center non possono contattare i numeri inseriti nell’albo, pena pesanti sanzioni.

Tags: , , ,

CASSAZIONE: il licenziamento della lavoratrice madre

martedì, gennaio 25th, 2011 | Lavoro | Nessun commento

La Cassazione, con la sentenza n. 24349/2010, interviene sul licenziamento della lavoratrice madre. Si legge: “il licenziamento ingiustificato, in quanto privo di giusta causa, della lavoratrice madre nel periodo di divieto previsto dalla legge è nullo ai sensi dell’art. 54 comma 5 D.Lgs. n.151/01. A tale nullità consegue la prosecuzione del rapporto di lavoro nonostante il licenziamento ed il diritto della lavoratrice alle retribuzioni”.

Tags: ,

RISTRUTTURAZIONI: i piani casa regionali non danno diritto alle detrazioni 36 e 55%

martedì, gennaio 25th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

La risoluzione dell’Agenzia delle entrate n. 4 del 4 gennaio 2011 ribadisce la lettura restrittiva alle detrazioni per ristrutturazioni e risparmio energetico: tali lavori non hanno diritto allo sconto rispettivo 36 e 55% secondo i piani casa regionali. La risoluzione precisa che, in caso di ampliamento, non spetta nessuna detrazione fiscale, contraddicendo quanto riportato nelle guide fiscali alle ristrutturazioni, in cui alla voce ampliamento dei locali si diceva “demolizione e/o costruzione ampliando volumetrie esistenti: detraibile, purché non sia un nuovo appartamento”. Secondo l’ultimo orientamento, invece, l’ampliamento non può ottenere vantaggi: sia nel caso in cui l’edificio sia interamente demolito e ricostruito, sia nel caso in cui si tratti di una semplice aggiunta a un immobile la cui struttura resta inalterata. Se le opere prevedano la ristrutturazione dei locali esistenti e l’ampliamento, “la detrazione compete solo per le spese riferibili alla parte esistente”. Richiamandosi alla circolare n. 39 del 1° luglio 2010 afferma, in modo indiretto: “ai fini della individuazione della quota di spesa detraibile come precisato nella circolare 23 aprile 2010, n. 21/E, si dovrà utilizzare un criterio di ripartizione proporzionale basato sulle quote millesimali”.

Tags: ,

CONTRATTI DI LOCAZIONE: la cedolare affitti cerca certezze

martedì, gennaio 25th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Dubbi sulla tempistica di scelta della cedolare sugli affitti. L’intreccio con scadenze di Irpef e imposta di registro, l’applicazione delle sanzioni può creare confusione. Non è chiaro se la registrazione entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto escluda solo la super sanzione fiscale e la riduzione del canone o anche eventuali ulteriori accertamenti sui periodi d’imposta precedenti. Visto che la cedolare assorbirà già da quest’anno la vecchia imposta di registro, cosa succede ai contratti registrati prima dell’entrata in vigore? I proprietari che non registrano nei termini o registrano per un canone inferiore vedranno ripartire da zero la durata del contratto e avranno il canone pesantemente ridotto: il triplo della rendita catastale; è penalizzato anche chi non perfeziona la registrazione per un disguido o una dimenticanza. Tutti dubbi che in fase di partenza della nuova imposta meritano di essere chiariti.

Tags: , ,

SGRAVI EDILIZIA: si recupera lo sconto

martedì, gennaio 25th, 2011 | Lavoro | Nessun commento

Si può recuperare lo sconto pari al 11,50% dei contributi per l’anno 2010 in favore delle imprese edili. Lo annuncia la circolare n. 7/2011 dell’INPS. Per ottenere l’agevolazione è necessario essere in possesso del DURC e autodichiarare, su modello predisposto dall’Istituto, l’assenza di condanne passate in giudicato per violazione delle norme in materia di sicurezza del lavoro nel quinquennio precedente. Lo sgravio è legato al rispetto della contrattazione collettiva, non compete per i lavoratori che già godono di altre agevolazioni contributive, quali per esempio i lavoratori assunti dalle liste di mobilità, non spetta ai lavoratori con contratto di lavoro a tempo parziale.

Tags: , , , ,

AUTOLIQUIDAZIONE INAIL 2010/2011: riduzione contributiva in agricoltura

martedì, gennaio 25th, 2011 | Lavoro | Nessun commento

Ai fini della compilazione della prossima autoliquidazione INAIL 2010/2011, le cooperative agricole e loro consorzi dovranno redigere la dichiarazione suddividendo l’imponibile contributivo tra i due periodi 1/1/2010 – 31/7/2010 e 1/8/2010 – 31/12/2010. Il premio verrà calcolato tenendo conto dei due periodi e delle percentuali previste dalla normativa vigente: 75% per le zone montane e 68% per quelle svantaggiate (nota del 14 gennaio 2011).

Tags: ,

CHIARIMENTI INPS: modifica del saggio di interesse legale e riduzione delle sanzioni civili

martedì, gennaio 25th, 2011 | Lavoro | Nessun commento

Nella circolare dell’Istituto n. 6 – 14 gennaio 2011, si chiarisce che con l’aumento dal 1° gennaio 2011 degli interessi legali all’1,50% la riduzione delle sanzioni civili è subordinata all’integrale pagamento dei contributi dovuti. Pertanto, per le richieste di pagamento dilazionato tale condizione si realizza a seguito dell’accoglimento della domanda stessa che richiede il rispetto delle condizioni di correttezza e regolarità dei versamenti dovuti.

Tags: , ,

DICHIARAZIONI: rimborsi Iva solo online

martedì, gennaio 25th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Scompare il modello cartaceo per la richiesta dei rimborsi IVA: da quest’anno di possono richiedere solo online, il modello VR viene inglobato nella dichiarazione annuale. La richiesta di rimborso potrà essere effettuata in via telematica, con la dichiarazione IVA, a partire dal 1° febbraio e fino al 30 settembre 2011. Per i contribuenti virtuosi, quelli cioè che hanno pagato le imposte e non hanno avuto contestazioni, i rimborsi possono essere effettuati senza garanzia fino al 50% di quanto versato nel biennio precedente.

Tags: ,

MODELLI FISCALI 2011: approvato il CUD in versione definitiva

martedì, gennaio 25th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Con provvedimento del 17 gennaio 2011, l’Agenzia delle entrate ha approvato la versione definitiva del modello CUD 2011. La certificazione dovrà essere rilasciata dai datori di lavoro entro il 28 febbraio 2011. La nuova certificazione mantiene sostanzialmente il tracciato del 2010. La novità principale riguarda la gestione delle somme assoggettate e/o da assoggettare a imposta sostitutiva anche relative agli anni 2008 e 2009.

Tags: ,

MODELLI FISCALI 2011: varati i modelli 770 definitivi

martedì, gennaio 25th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Anche i modelli 770/2011 semplificato e ordinario sono in veste definitiva. Il modello semplificato serve a dichiarare le ritenute alla fonte per redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati, indennità di fine rapporto, prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, nonché i dati previdenziali e assistenziali Inps, Inpdap, Ipost, Inail, assistenza fiscale 2010, versamenti, crediti e compensazioni effettuati. Il modello ordinario è utilizzato dai sostituti che hanno erogato redditi diversi da quelli di lavoro subordinato e assimilati o autonomo. Entrambi vanno presentati in via telematica ed in forma autonoma. Il modello semplificato si arricchisce di un nuovo prospetto, SY, nel quale confluiscono le somme liquidate in seguito alle procedure di pignoramento presso terzi e quelle derivanti dai bonifici effettuati per gli interventi di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico, agevolati rispettivamente con le detrazioni del 36 e del 55 per cento. Nel modello ordinario cambia il quadro SX, è aggiunta una colonna nella sezione IV, destinata agli intermediari che hanno ricevuto la dichiarazione riservata per lo scudo fiscale e che serve per distinguere i versamenti delle imposte sostitutive del 7% sul valore delle attività rimpatriate e regolarizzate da quelle del 5 e del 6 per cento.

Tags:

COLLEGATO AL LAVORO: le novità per i co.co.co

martedì, gennaio 25th, 2011 | Lavoro | Nessun commento

L’art. 32 del collegato lavoro rivede i termini di recesso e l’iter da seguire per proporre ricorsi in materia di co.co.co. Il recesso del committente nei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, comprendendo la modalità a progetto, deve essere impugnato entro 60 giorni dalla ricezione della sua comunicazione. L’impugnativa deve avvenire per atto scritto, anche extragiudiziale, idoneo a rendere nota la volontà del lavoratore; si può richiedere l’intervento di un’organizzazione sindacale. E’ altresì introdotto un nuovo termine procedurale che fa decadere l’impugnazione, rendendola inefficace, se non è seguita entro il successivo termine di 270 giorni, o dal deposito del ricorso nella cancelleria del tribunale o dalla comunicazione alla controparte della richiesta di conciliazione o arbitrato, ferma restando la possibilità di produrre nuovi documenti formatisi dopo il deposito del ricorso.

Tags:

AGENZIA DELLE ENTRATE: la circolare 7/E sul bilancio Ias

martedì, gennaio 25th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Con la circolare 7/E del 28 febbraio 2011 l’Agenzia delle entrate chiarisce che nessuna sanzione sarà comminata alle imprese che, applicando i principi Ias, hanno dato rilievo a componenti reddituali in violazione delle regole di competenza o previa imputazione al conto economico. In merito, le regole Ias stabiliscono che, per la quantificazione dell’imponibile fiscale, valgono i criteri di qualificazione, imputazione a periodo e classificazione in bilancio previste dai principi contabili. Riguardo l’imputazione temporale, sono disapplicate le norme dell’articolo 109, c. 1 e 2 del Tuir che fissano il principio di competenza sulla base di aspetti giuridico/formali, ed ogni altra disposizione che stabilisca di assumere i componenti reddituali e patrimoniali secondo regole non conformi al criterio di prevalenza della sostanza sulla forma. Restano, invece, pienamente operanti le norme del Tuir che prevedono limiti quantitativi alla deduzione di componenti negativi, o la loro esclusione, o ne dispongono la ripartizione in più esercizi. La circolare contiene un lungo elenco ipotesi derogatorie che tuttora devono essere usate dalle società Ias.

Tags: , ,

COMPENSAZIONI: congelato il nuovo regime

lunedì, gennaio 17th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Visti i numerosi dubbi espressi circa l’operatività del nuovo regime sulle compensazioni, in attesa dei provvedimenti attuativi, l’Agenzia delle entrate lo congela. Tuttavia l’amministrazione ha reso noto che vuole confermare il limite dei 1.500 euro previsto dall’art. 31 c. 1 del DL in questione, il 78/2010. Il giro di vite è ora rinviato alla prossima scadenza del 16 febbraio 2011. Pertanto, fino a tale data, si potrà procedere con le compensazioni di debiti e crediti tributari anche in presenza di ruoli scaduti di importo superiore a 1.500 euro. Queste operazioni non saranno soggette a sanzioni sempre che la compensazione non intacchi i crediti necessari per pagare i ruoli esistenti.

Tags: ,

DIRITTI CAMERALI: richiesto l’intervento della Corte di giustizia

lunedì, gennaio 17th, 2011 | Notizie Fiscali | Nessun commento

La Ctp di Benevento, con ordinanza n. 473/01/10, richiede l’intervento della Corte di giustizia europea in merito al pagamento del diritto annuale alle Camere di Commercio. Secondo la Commissione, il suo pagamento può essere contrario alla normativa comunitaria, è ciò per un presunto contrasto fra gli articoli 10 e 12 della direttiva comunitaria 69/335 del 1969 e l’articolo 18 della legge n. 580/1993, che disciplina il versamento del diritto annuale. Il versamento del diritto per l’iscrizione nei registri appositamente tenuti dalle Camere di commercio, in quanto condizione di procedibilità dell’esercizio dell’attività da parte di queste, potrebbe configurarsi come una vera e propria imposta indiretta sulla raccolta di capitali e come tale in evidente contrasto con il divieto imposto dalla richiamata direttiva.

Tags: ,

Search