Archive for agosto, 2010

DICHIARAZIONI: i quadri RN e RP sono indicatori per il nuovo redditometro

martedì, agosto 31st, 2010 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Unico 2010, da trasmettere entro il 30 settembre, mette a confronto ai fini del redditometro i quadri RN ed RP. La loro corretta compilazione può richiedere valutazioni che esulano dalla mera compilazione. Già dal 2009 (così come definito in linea di massima dal Dl 78/10) le persone fisiche potranno essere assoggettate ad accertamento mediante il nuovo redditometro. L’accertamento sintetico è possibile se le spese sostenute siano superiori rispetto ai redditi dichiarati e alla provvista di fondi derivante da altri soggetti (come un finanziamento bancario o una donazione) o da entrate non assoggettare al tributo (ad esempio dei dividendi da partecipazioni non qualificate). L’anomalia si può verificare qualora il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un quinto quello dichiarato. Per i soggetti titolari di partita Iva il problema si pone se il conteggio di Gerico propone un risultato di non congruità. Un buon consiglio è quello di spiegare, prima del 30 settembre, i motivi per cui si crede che la ricostruzione statistica operata dallo studio non sia adatta a valutare la posizione propria del dichiarante.

Tags: , , , , ,

ANTIRICICLAGGIO: i nuovi indici spia pubblicati dalla Banca d’Italia

martedì, agosto 31st, 2010 | Economia, Finanza, Notizie Fiscali | Nessun commento

Dal 28 agosto 2010 sono partite le nuove segnalazioni di operazioni sospette. Sono ventotto le ipotesi di anomalia che possono sottendere fatti di riciclaggio. Tra i soggetti obbligati alla segnalazione sono esclusi i liberi professionisti, perché il provvedimento che li interessa era già stato pubblicato con decreto del ministro della Giustizia lo scorso 16 aprile. Alcuni indicatori sono stati ripresi ed attualizzati, altri sono del tutto nuovi, come quelli sul finanziamento del terrorismo. La Banca d’Italia, nel provvedimento, espone alcune precisazioni metodologiche; scompare il riferimento ai “generatori di indici di anomalia” perché sostituito dalle “procedure di segnalazione automatica di anomalie”. La segnalazione di operazione sospetta va effettuata anche se si è provveduto a denunciare il reato sottostante. Non si dovrà fare segnalazione di violazione alle norme sul contante e titoli al portatore: queste operazioni sono, infatti, già soggette ad apposita comunicazione al Mef.

Tags: ,

EDILIZIA: dal 10 settembre prossimo il DL 139/2010 entrerà in vigore, accorciando i tempi per le autorizzazioni paesaggistiche

martedì, agosto 31st, 2010 | Notizie Fiscali | Nessun commento

La deregulation entrerà in vigore il 10 settembre 2010. Le sopraintendenze e la pubblica amministrazione avranno un termine ultimativo di 60 gg. per rispondere in merito ad autorizzazioni paesaggistiche relative ad interventi immobiliari. In termini pratici ci vorrà meno tempo per ottenere autorizzazioni per creare un nuovo box, installare antenne paraboliche, creare da una “fetta” di tetto un nuovo terrazzo, installare un serbatoio GPL fuori terra, costruire nuove tettoie o porticati. Certo si spera che il buon senso prevalga, evitando di usare uno strumento di regolamentazione come, invece, occasione distruttiva del patrimonio e del paesaggio preesistente.

Tags: ,

Le famiglie e la crisi: peggiora la liquidità, diminuiscono i consumi. Quali prospettive? Proposte

lunedì, agosto 16th, 2010 | Articoli a pagamento | Inserire la propria password per visualizzare i commenti

Con un report dell’8 aprile 2010, l’Istat illustra la situazione economica delle famiglie italiane.

Nell’analisi fa una distinzione del settore delle famiglie, suddividendole in  “famiglie consumatricifamiglie produttrici (imprese individuali, società semplici fino a cinque addetti e liberi professionisti) e le istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie”.

Ne consegue che i dati sul risparmio e sul reddito disponibile lordo delle famiglie, sono alterati dai risultati economici delle piccole imprese mentre la spesa per consumi finali delle famiglie include anche i beni e servizi offerti, gratuitamente o a prezzi non significativi, dalle istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie.

Per ciò che attiene al settore delle società non finanziarie,  comprende tutte “le società di persone e di capitale e le imprese individuali con oltre 5 addetti che svolgono la loro attività nei settori diversi da quelli finanziari”.

Si deve tener presente che gli Istituti di Crediti in generale, ma in questo periodo in particolare, sono all’affannosa ricerca di clientela che abbia risorse finanziarie disponibili e quindi sono fortemente attratte dalle operazioni di raccolta piuttosto che colloquiare con un mercato, con una piccola impresa in forte tensione.

Infatti, il settore attualmente fortemente colpito dal sistema bancario è quello immobiliare quando, invece, dovrebbe renderlo più governato, più ragionato, più credibile. Favorire il settore dell’edilizia si incentivano anche gli investimenti familiari.

Se la disamina economica generale mette in evidenza che i precari e i lavoratori a tempo determinato presentano stanno aumentando, è dovere di tutti cercare di arginare una simile situazione, possibilmente capovolgendola.

Se il mercato dell’edilizia si struttura per realizzare attività produttive, tese a garantire nuovi livelli occupazionali, abbiamo il dovere di favorire il nuovo start up, considerando che per alcune zone ci sono incentivi/aiuti europei in conto capitale pari al 40% dei costi di realizzo dell’opera, a fronte di un protocollo d’intesa con il governo su garanzie occupazionali.

Se il mercato dell’edilizia si occupa della realizzazione di nuova residenza a prezzi calmierati, abbiamo l’obbligo di incentivarla, anche con l’intervento pubblico a titolo di impegno, attraverso lo strumento pianificatorio di ammortamenti finanziari a lungo periodo tali, da non produrre tensioni di liquidità familiare.

Questo post è protetto da password. Per leggerlo inserire la password qui sotto:


Elenchi black-list di luglio e agosto prorogati al 2 novembre

martedì, agosto 10th, 2010 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Elenchi black-list: il decreto 5/8/2010 ha ufficialmente prorogato al 2 novembre la scadenza di presentazione dei modelli mensili di luglio e agosto.

Tags:

LAVORO: misure di contrasto al lavoro nero

venerdì, agosto 6th, 2010 | Lavoro | Nessun commento

Firmato un protocollo d’intesa volto al contrasto del lavoro nero. Esattamente si vuole condividere tutte le informazioni in possesso di Inps, Inail, ed Agenzia delle entrate. L’accordo prevede lo scambio dei dati in materia di attività ispettiva. L’accordo ha una durata triennale, rinnovabile; tutti i soggetti coinvolti si impegnano a mettere a disposizione i dati contenuti nei propri archivi, tra i quali: verbali ispettivi e calendario delle ispezioni, dati riferiti al cassetto previdenziale, informazioni di interesse emerse in sede di accertamento fiscale, dati anagrafici e dichiarativi, richieste del Durc, nomi e cognomi dei lavoratori che fruiscono di trattamenti di sostegno al reddito e aziende che beneficiano di interventi di Cig. Inoltre, ciascuna delle parti si impegna a stipulare accordi a carattere bilaterale: i servizi di fornitura e di accesso ai dati saranno regolati da convenzioni di cooperazione informatica, che potrebbero essere concluse già dalla prossima settimana.

Tags: , , ,

FEDERALISMO FISCALE: cedolare secca sugli affitti

giovedì, agosto 5th, 2010 | Notizie Fiscali | Nessun commento

E’ attuativo il decreto sul federalismo fiscale. L’autonomia degli enti locali segue un cammino in due tappe: nel 2011 sarà incassato il gettito di una serie di tributi derivanti dalla cosiddetta fiscalità immobiliare, nel 2014 sarà introdotta una nuova imposta municipale propria ed una municipale facoltativa secondaria. Da segnalare, nell’ambito della nuova riforma sulla tassazione degli immobili, dal prossimo 1° gennaio 2011, la cedolare secca sugli affitti delle case. Dal 2011 i proprietari di immobili concessi in locazione ad uso abitativo potranno scegliere se applicare la nuova cedolare secca o se continuare a seguire le regole di tassazione attuali. Alla cedolare, in sostanza un’imposta sostitutiva di Irpef, addizionali, imposta di registro e imposta di bollo, si potranno dunque assoggettare i canoni di locazione dei contratti stipulati per gli immobili ad uso abitativo e le loro pertinenze. L’aliquota è fissata al 20%. Ora il provvedimento passerà all’esame delle Camere per il relativo parere, per poi tornare al Consiglio dei ministri per l’approvazione definitiva.

Tags: , , ,

CHIARIMENTI: l’Agenzia delle entrate fornisce un parere sulla detrazione d’imposta per interessi sull’abitazione principale

mercoledì, agosto 4th, 2010 | Notizie Fiscali | Nessun commento

La risoluzione n. 76/E del 2 agosto 2010, in risposta a una istanza di interpello presentata da un centro di assistenza fiscale, fornisce il parere dell’Agenzia delle entrate in merito alla detrazione d’imposta sugli interessi pagati relativi al mutuo dell’abitazione principale. In particolare, il contribuente, che restituisce il contributo alla regione perché non gli spettava, riacquisisce il diritto allo sconto del 19%. Inoltre, le somme restituite alla regione nel l’anno 2009, configurandosi come interessi relativi a mutui contratti per l’acquisto del l’abitazione principale per i quali in passato non si è fruito della detrazione, potranno essere indicate nel modello di dichiarazione dei redditi di competenza (attualmente Unico 2010) tra gli oneri diversi da quelli specificamente indicati nella relativa sezione degli oneri detraibili.

Tags: , , ,

IMMOBILI: chiarimenti dell’Agenzia delle entrate sulla ritenuta sui bonifici

martedì, agosto 3rd, 2010 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Un nuovo indirizzo interpretativo all’applicazione della ritenuta del 10% sui bonifici per ristrutturazioni edilizie è stata data dall’Agenzia delle entrate nella circolare 40/E del 28 luglio 2010. Per fruire delle agevolazioni sulle ristrutturazioni edilizie o sui lavori per risparmio energetico, dove è necessario il saldo tramite bonifico bancario, i committenti non devono più pagare le fatture dei professionisti e delle imprese al netto della ritenuta d’acconto del 20% o del 4%; e questo perché la normativa di applicazione della nuova ritenuta del 10% sui bonifici è speciale e prevalente su quella generale. Per consentire al professionista o all’impresa di emettere fattura senza ritenuta d’acconto è necessario che il committente comunichi di aver intenzione di usufruire della detrazione del 36% o 55%. In seguito a questa comunicazione professionisti ed imprese possono emettere fattura senza ritenuta d’acconto, e non devono indicare neanche quella del 10% perché è trattenuta direttamente dalla banca in sede di bonifico.

Tags: , , ,

L’ANTIRICICLAGGIO DOPO LA MANOVRA ECONOMICA

lunedì, agosto 2nd, 2010 | Notizie Fiscali | Nessun commento

La manovra economica arricchisce il quadro delle disposizioni antiriciclaggio. Tra le principali novità che interessano operatori e professionisti si elencano: il ricorso frequente o ingiustificato per prelievi o versamenti con intermediari finanziari di importo pari o superiore a 15mila euro; stretta per i soggetti che hanno sede in paradisi fiscali che non potranno partecipare a procedure per l’aggiudicazione di contratti pubblici se non previa autorizzazione del Mef; obbligo di astensione, o cessazione, per intermediari e professionisti di operazioni o prestazioni professionali in cui siano direttamente o indirettamente parte entità giuridiche aventi sede in paradisi fiscali; limiti all’uso del contante a 5mila euro e inasprimento delle sanzioni minime. E’ fatto divieto di trasferire denaro, libretti al portatore, emettere assegni trasferibili da 12.500 a 5mila euro. Il trasferimento è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati. Il divieto sussiste indipendentemente dalla natura dell’operazione alla quale il trasferimento si riferisce ed è stato introdotto con lo scopo di dirottare transazioni ritenute significative verso gli intermediari abilitati, perché negli archivi da essi tenuti ne resti traccia che consenta di risalire al loro autore. L’inosservanza del divieto, non incide sull’operazione compiuta che è comunque valida ma è sanzionata.

Tags:

Search