Archive for luglio, 2009

MANOVRA D’ESTATE: Tremonti Ter e capitalizzazione – doppio bonus

venerdì, luglio 31st, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

La Tremonti ter può essere cumulata con un’ulteriore agevolazione: le società che nei prossimi mesi aumenteranno il capitale con apporto dei soci persone fisiche fino a 500mila euro potranno scontare per cinque esercizi il 3% della ricapitalizzazione. Così, oltre alla detassazione del 50% del costo dei macchinari (Tremonti ter) opera quest’altra agevolazione, correndo su diversi piani, ma anche cumulandosi arrivando a formare uno sconto complessivo fino al 65% del valore investito (il 3% annuale per cinque anni somma 15, che a sua volta sommato al 50% della Tremonti ter ammonta complessivamente a 65). Lo sconto spetta indipendentemente dalle risorse reperite, e può essere sfruttato anche se il capitale è liberato in natura.

Tags: ,

SCONTRINI PARLANTI: il Garante della Privacy interviene sui documenti di spesa attestanti l’acquisto di medicinali

venerdì, luglio 31st, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Il Garante della Privacy è intervenuto in merito agli scontrini parlanti per l’acquisto di medicinali. Con la circolare 40/E del 30 luglio 2009 detta disposizioni nuove in merito al contenuto di questi. Il tutto al fine di garantire la privacy degli acquirenti quando, in occasione della compilazione della dichiarazione dei redditi annuale, devono presentare la documentazione al commercialista o al Caf. Nel testo si legge: ” l’Agenzia delle Entrate deve fornire indicazioni, immediatamente operative, affinché, ai fini della detrazione o della deduzione delle spese sanitarie, lo scontrino fiscale rilasciato per l’acquisto di farmaci riporti in luogo della menzione in chiaro della denominazione commerciale degli stessi, il numero di autorizzazione all’immissione in commercio (AIC), oltre al codice fiscale del destinatario, alla natura e alla quantità dei medicinali acquistati”. I titolari del trattamento dei dati personali che emettono scontrini fiscali per l’acquisto di farmaci dovranno adeguarsi alle suddette indicazioni entro e non oltre il 1° gennaio 2010. Fino al 31 dicembre restano in vigore le vecchie disposizioni.

Tags: ,

LAVORO: come registrare le presenze di fine luglio sul Lul

venerdì, luglio 31st, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Periodo di ferie, periodo di anticipo delle retribuzioni. In occasione del mese di agosto molte aziende hanno bisogno di anticipare la chiusura dei conteggi delle retribuzioni per retribuire i lavoratori prima delle ferie. Il tema è importante per quanto attiene la registrazione delle presenze sul Lul. La Direzione generale per l’attività ispettiva del ministero del Lavoro, con lettera circolare 10964 del 28 luglio 2009 interviene in merito. Esattamente si risponde alla domanda “se fosse possibile differire al mese successivo la registrazione delle ore effettive dell’ultima settimana di luglio”; considerate le particolari e imprescindibili esigenze aziendali, considerato che i datori non possono calcolare, se non presuntivamente, le presenze dell’ultima settimana in questione, il ministero riconosce e stabilisce la sfasatura parziale delle registrazioni. Pertanto le presenze di Luglio, indicate come presuntive, possono essere valorizzate nel Lul di agosto che verrà elaborato entro il 16 settembre. L’unica condizione è che venga data annotazione specifica del differimento operato.

Tags:

GLI AMMORTAMENTI AL RESTYLING

mercoledì, luglio 29th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

I tecnici del ministero sono al lavoro per una rivisitazione dei coefficienti di ammortamento. Considerato che le percentuali presenti nella tabella ministeriale sono ormai datate, si parla di una “ricalibratura” entro fine anno. L’obiettivo principale è tener conto nei processi produttivi del maggior peso dei beni di tecnologia (macchine elettroniche d’ufficio, per esempio) e risparmio energetico. L’ammortamento accelerato di questi beni verrà compensato da nuovi coefficienti per beni meno strategici. La manovra non modificherà i vari settori produttivi presenti in tabella, visto che imprese e professionisti si sono adeguati come codice di attività alla tabella Ateco 2007; utilizzare questa tabella anche per gli ammortamenti rappresenterebbe una semplificazione amministrativa e sarebbe più confacente alla realtà economica.

Tags: ,

STUDI DI SETTORE: ultimi giorni di adeguamento – l’errore nel quadro X

mercoledì, luglio 29th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Da un lato si tracciano le somme delle definizioni in base agli studi nel periodo 2007-2008 (sono circa il 60% i contribuenti che hanno pagato davanti una contestazione), dall’altro si contano i giorni in vista dell’ultima scadenza di Unico 2009, il 5 agosto. Di notevole importanza è l’esatta indicazione dei dati nel quadro X: il correttivo congiunturale opera, infatti, grazie all’indicazione del dato ricavi 2007 nell’apposito rigo. Un dato erroneo falserebbe il risultato. E’ prevista l’applicazione di una supersanzione (il 10% in più sulla sanzione pecuniaria applicabile su imposte sui redditi, Iva e Irap) in caso di omessa o inesatta indicazione dei dati che rilevano ai fini dell’applicazione degli studi di settore, nonché di indicazione di cause di esclusione o inapplicabilità inesistenti. L’errata indicazione dei ricavi 2007, è però un errore di natura formale, che non nasconde alcuna intenzione di dissimulare la realtà; le variabili toccate dall’errore simulato sono quelle descrittive, cioè che non influenzano né il risultato dello studio di settore, né la determinazione del reddito d’impresa o di lavoro autonomo.

Tags:

CASSAZIONE: la deduzione delle perdite eccedenti il capitale nelle Sas

martedì, luglio 28th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

La sentenza n. 15161/2009 si esprime in tema di deduzione delle perdite eccedenti il capitale nelle Sas. I soci di capitale possono dedurre tali perdite qualora la loro ingerenza non occasionale nella gestione aziendale faccia venir meno la limitazione della loro responsabilità. Le norme che regolano le società in accomandita sono contenute nell’art. 2313 del codice civile; fiscalmente si applicano gli artt. 5 e 8 del Tuir, in base ai quali i redditi sono ripartiti in capo ai soci in proporzione alla quota di partecipazione agli utili e senza distinzione tra accomandanti ed accomandatari; le perdite seguono lo stesso criterio, tranne il caso di eccedenza sul capitale dove la ripartizione si applica solo nei confronti degli accomandatari. La sentenza aggiunge del nuovo a quanto appena enunciato: partendo dal fatto che le perdite eccedenti riferite ai soci accomandanti possono essere scomputate dagli accomandatari in proporzione delle loro quote, sancisce che nel momento in cui l’accomandante perde la responsabilità limitata, può dedurre la perdita in eccedenza esattamente come un accomandatario.

Tags: ,

LOCAZIONI: la registrazione online del contratto di fitto

martedì, luglio 28th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

E’ possibile registrare un contratto di affitto online scaricando ed installando sul proprio PC il software “Contratti di locazione” da www.agenziaentrate.gov.it e inviando il relativo file mediante Entratel o Fisconline. E’ possibile effettuare pagamenti via web: dal menù “Strumenti” – Pagamenti Registro web – si può versare l’imposta di registro, per i contratti di locazione già registrati in passato, in caso di: annualità successive alla prima; proroghe; risoluzioni e cessioni delle locazioni esistenti. Se l’imposta non è stata pagata o non è stato registrato il contratto di locazione e l’Agenzia non ha già emesso atti di accertamento è possibile regolarizzare: entro 30 giorni dalla scadenza ordinaria versando in più una sanzione corrispondente al 2,5 per cento dell’imposta dovuta. Entro 1 anno dalla scadenza prevista versando in più una sanzione del 3 per cento dell’imposta dovuta. L’omessa registrazione si può regolarizzare: entro 90 giorni dal termine di scadenza previsto versando l’imposta dovuta e una sanzione corrispondente al 10 per cento dell’imposta dovuta. Entro 1 anno dal termine di scadenza previsto versando l’imposta dovuta e una sanzione del 12 per cento dell’imposta dovuta.

Tags: ,

IRAP: i notai pagano l’imposta

martedì, luglio 28th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

In seguito al caso di un notaio che aveva richiesto il rimborso Irap, e dopo il silenzio rifiuto da parte dell’amministrazione finanziaria, aveva fatto ricorso alla commissione tributaria, la Corte di Cassazione, con sentenza n. 16855 del 20 luglio 2009, ha stabilito che i notai devono pagare l’Irap anche se, nell’esercizio delle pubbliche funzioni di loro competenza, sono obbligati a richiedere l’aiuto di personale qualificato. I giudici hanno comunque richiamato il principio noto valido per i piccoli professionisti, che recita: “in base agli articoli 2 e 3 del D.Lgs 446/97 l’esercizio delle attività di lavoro autonomo è escluso dall’applicazione dell’Irap solo nel caso in cui il professionista svolga un’attività autonomamente organizzata, senza il supporto, quindi, di nessuna forma di collaborazione. Alla luce del principio di diritto di autonoma organizzazione non può essere considerato rilevante l’obbligo di usufruire di personale qualificato”.

Tags:

LAVORO: la Cassazione è intervenuta sull’obbligo di fedeltà del lavoratore anche dopo il licenziamento

martedì, luglio 28th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Seguendo un orientamento già consolidato, la Cassazione afferma che anche i comportamenti posti in essere dal lavoratore dopo la cessazione del rapporto per licenziamento e prima della sua ricostituzione possono assumere rilevanza disciplinare. Occorre però distinguere tra obblighi scaturenti dal sinallagma contrattuale e doveri extracontrattuali, derivanti dall’articolo 2043 c.c. o da norme penali. Su questi ultimi in nessun caso può influire la cessazione del rapporto, perché essi non trovano la loro fonte nel sinallagma contrattuale, e quindi la violazione di tali doveri rileva sempre, anche se posta in essere dopo la cessazione del rapporto, mentre gli obblighi scaturenti dal contratto rimangono a carico del lavoratore per un suo obbligo di coerenza con la volontà di proseguire il rapporto espressa con l’impugnazione del licenziamento, salvo i comportamenti motivati dallo scopo di reperire fonti di sostentamento alternative alla retribuzione di fatto non più corrisposta, con una ricerca svolta dal lavoratore nell’ambito della propria professionalità e quindi anche, eventualmente, presso la concorrenza.

Tags:

MANOVRA D’ESTATE: modifiche alla Tremonti Ter, detassazione concessa solo per beni nuovi

venerdì, luglio 24th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Si avvia l’approvazione del decreto sulla tassazione degli investimenti con modifiche. I cambiamenti riguardano le caratteristiche dei beni rientranti negli investimenti: devono essere nuovi, appartenere alla categoria dei macchinari e delle apparecchiature, in particolare individuati nella tabella 28 di classificazione Ateco; è prevista revoca dell’incentivo in caso di cessione dei beni agevolati a soggetti aventi stabile organizzazione in Paesi estranei alla Comunità economica Europea. Il beneficio è legato al periodo d’imposta in cui si effettua l’investimento, cosicché si applicherà solo per i versamenti a saldo e non per gli acconti d’imposta.

Tags:

CORTE COSTITUZIONALE: illegittimo il diniego del rimborso Ici alle Coop agricole

venerdì, luglio 24th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Per le Coop agricole si apre la strada della richiesta di rimborso Ici ai Comuni di appartenenza. La Corte Costituzionale, con sentenza 227/2009, ha decretato illegittimo il divieto di restituzione dell’Ici versata sui fabbricati strumentali da questi soggetti per gli anni precedenti al 2008. La pronuncia della Corte segnala una perfetta ricostruzione della nozione di ruralità riferita ai fabbricati, nodo principale sui cui verteva tutta la linea contenziosa sull’assoggettabilità all’Ici. In un quadro normativo particolarmente complicato si inserisce la sentenza della Corte, che ritiene sufficiente l’esame della disposizione contenuta nella legge 244/07. Non ha senso il divieto di rimborso disposto nel 2007. La pronuncia, richiamandosi anche al DL 207/08, afferma che i fabbricati rurali devono intendersi esclusi dal presupposto impositivo Ici. Considerando irragionevole la disparità di trattamento tra chi ha pagato un tributo indebito, e chi, invece, non ha versato sin dall’inizio, si apre la strada per le istanze di rimborso, essendo dichiarata costituzionalmente illegittima la disposizione dell’art. 2, c. 4, Legge 244/07.

Tags:

IRAP: possibile salvezza dalla Consulta

venerdì, luglio 24th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

E’ possibile che l’Irap possa essere “salvata” dalla Corte Costituzionale. Si vocifera su questo orientamento tra i giudici della Consulta. Nelle considerazioni della Corte, con ogni probabilità, avranno avuto peso le recenti novità relative alla parziale deducibilità del 10% del costo del lavoro, i nuovi scenari di federalismo fiscale, e l’impatto di un’eventuale bocciatura sui conti pubblici: l’Irap garantisce quasi 40 miliardi di Euro all’Erario…..

Tags:

MODELLO 770: scadenza al traguardo

mercoledì, luglio 22nd, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Il modello 770/2009 semplificato si avvia verso la sua scadenza: il 31 luglio. La dichiarazione riepiloga i versamenti di ritenute e contributi assicurativi. Proprio in relazione a questi ultimi è prevista sanzione in caso di omessa dichiarazione, anche quando il modello và presentato ai soli fini contributivi. Il modello dell’anno è arricchito dalla presenza dei quadri SV per le addizionali comunali Irpef, ST sdoppiato per le addizionali regionali, SX con nuovi righi. Tuttavia questo modello potrebbe, già dal prossimo anno, essere superato. E’ allo studio, grazie alla mensilizzazione dei dati stabilita dalla finanziaria 2008, una comunicazione mensile di redditi, ritenute e addizionali che consentirà un immediato riscontro con i versamenti fatti con F24.

Tags:

STUDI DI SETTORE: il mancato adeguamento è da giustificare nelle note

mercoledì, luglio 22nd, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

I contribuenti che sono ancora alle prese con gli studi di settore di Unico 2009 possono decidere di non adeguarsi se le risorse finanziare scarseggiano, o se ritengono che il software Gerico non sia “adeguato” alla propria condizione soggettiva. I correttivi congiuntarali non sono bastati a limare il divario studio-condizione propria dell’impresa. All’uopo l’Agenzia ha promesso di rivedere ancora per il 2009 i correttivi. Nel frattempo si è alle prese con la decisione se adeguarsi o meno. Uno strumento che vuole venire incontro alle esigenze del contribuente è la rateazione dell’Iva derivante dallo studio 2009. Spesso succede che un’adeguamento allo studio non sia consono alla singola situazione, probabilmente per malfunzionamenti del software o errate approssimazioni. Nel caso, l’Agenzia ha ribadito che non c’è alcun obbligo di adeguamento per il contribuente che non si riconosce “fiscalmente” nella stima data. Per giustificare questa, e le altre situazioni legate alla peculiarità della condizione del contribuente, è consigliato inserire delle “spiegazioni” ed “osservazioni” nella sezione note dello studio.

Tags:

IRAP: la saga infinita …… le limitazioni a spese per telefoni, costi auto e spese di rappresentanza …

lunedì, luglio 20th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

La circolare 36/E del 16 luglio 2009 – Agenzia delle Entrate – mescola ancora una volta le carte in tema di Irap, fornendo interpretazioni restrittive sulla deducibilità di alcuni costi oltre la scadenza programmata. Secondo le interpretazioni date, per le società di capitali e i soggetti in contabilità ordinaria che hanno optato per la determinazione Irap in base ai criteri di derivazione del bilancio, rilevano ai fini della deducibilità di costi quali: ammortamento dei terreni sottostanti i fabbricati strumentali, spese telefoniche, spese auto, spese di rappresentanza e contributi erogati in base a norme di legge, i limiti stabiliti per le imposte dirette. Pertanto, l’ammortamento del terreno non rileva ai fini del tributo regionale, le spese telefoniche andrebbero imputate solo per l’80% del costo, i costi auto al 40 oppure 80%, o ancora al 90%, secondo che si tratti di auto per imprese o rappresentanti, o date in uso promiscuo ai dipendenti, le spese di rappresentanza “forfettizzano” come nel reddito d’impresa.

Tags:

MANOVRA D’ESTATE: la tutela allo sportello bancario

venerdì, luglio 17th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Il DL 78/09 contiene varie norme che tutelano i rapporti tra banche e clienti. Tra le altre è previsto, dal 1° novembre 2009, che sugli assegni la data di valuta del beneficiario non potrà mai superare, per gli assegni circolari un giorno lavorativo successivo alla data del versamento, e per gli assegni bancari tre giorni lavorativi. Inoltre, la data di disponibilità economica per il beneficiario non potrà mai superare per gli assegni circolari quattro giorni lavorativi successivi al versamento, per gli assegni bancari cinque. Per i bonifici, l’accredito dell’importo dell’operazione sul conto del beneficiario dovrà essere disponibile entro la fine della giornata operativa successiva.

Tags:

UNICO 2009: è già tempo di ravvedimento operoso

venerdì, luglio 17th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Scaduti ieri i termini, per la maggior parte dei contribuenti, di versamento delle imposte con la maggiorazione dello 0,40%; restano ancora in corso i versamenti dei contribuenti soggetti a studi di settore prorogati al 5 agosto. Inizia oggi il conto dei giorni per coloro che non hanno versato e vogliono usufruire del ravvedimento operoso. Si ricorda che i ritardatari possono regolarizzare entro 30 giorni aumentando le somme dovute dell’interesse su base annua pari al 3%, più una sanzione ridotta del 2,5%; dal 31° giorno, fino al termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno di imposta in cui la violazione è commessa la sanzione prevista è del 3%. Il ravvedimento è possibile solo se nel periodo considerato la violazione non venga accertata dall’Ufficio.

Tags:

IRAP: la deducibilità è contesa

giovedì, luglio 16th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Torna all’esame della Corte Costituzionale la deducibilità dell’Irap. I giudici di Bologna arricchiscono gli argomenti in materia. In particolare, a fronte del dubbio di costituzionalità sollevato dalle Commissioni di Parma, Genova e Chieti sull’indeducibilità dell’Irap dalla base imponibile Ires, hanno ritenuto infondata la tesi perchè nessun ostacolo costituzionale tocca la tassazione del reddito sia con un’imposta personale qual’è l’Ires, sia con una reale qual’è l’Irap: la deducibilità della seconda dalla prima vanificherebbe in parte la volontà del legislatore. L’Irap può benissimo colpire interessi passivi e costo del lavoro, perchè il presupposto dell’imposta è il valore aggiunto prodotto da un’attività autonomamente organizzata; l’indeducibilità non può però comportare che interessi passivi e costo del lavoro siano tassati ai fini Ires, anche solo in parte, essendo questi componenti negativi di reddito: non è coerente prima dedurli, poi riaggiungerli all’imponibile a titolo di Irap indeducibile.

Tags:

LAVORO: chiarimenti Inps sul lavoro accessorio

giovedì, luglio 16th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

L’Inps, con circolare n. 88/2009 del 9 luglio, fornisce chiarimenti in merito al lavoro accessorio, vista l’evoluzione normativa della materia (ex art. 70, Dlgs n. 276/2003) che ha ampliato il campo di applicazione (studenti, casalinghe, pensionati, percettori di prestazioni integrative del reddito) ed esteso, in alcuni casi, a tutti i settori produttivi l’utilizzo di tale tipologia contrattuale. In particolare precisa che il limite del compenso di 5.000 euro per anno solare, con riferimento al singolo committente, va inteso, in analogia con i criteri che regolano le posizioni assicurative nella gestione separata, come netto per il prestatore di lavoro. Conseguentemente, per il committente il limite reddituale risulta fissato in 6.660 euro.

Tags:

MINI SANATORIA ICI

mercoledì, luglio 15th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Ancora fino a domani i contribuenti ritardatari nei versamenti ICI possono regolarizzarsi con il ravvedimento operoso. E’ infatti previsto, per pagamenti entro 30 giorni dalla scadenza, il versamento della somma dovuta aumentata degli interessi legali e della mini sanzione del 2,5%. Se non si ravvede entro domani, l’interessato potrà regolarizzare il pagamento entro un anno dalla violazione, con la sanzione del 3% (il DL 185 l’ha ridotta, prima era 6%), purchè l’adempimento sia spontaneo, risulti, cioè, da comportamenti assunti dal contribuente prima che partano i controlli dall’amministrazione.

Tags:

Search