FEDERALISMO FISCALE – Da Venezia una prospettiva per l’Italia

mercoledì, aprile 29th, 2009 | Notizie Fiscali | Nessun commento

Finalmente disponibile online:

FEDERALISMO FISCALE – Da Venezia una prospettiva per l’Italia ( DOWNLOAD )

A cura del

Delegato del Sindaco al Federalismo fiscale

dott. Maurizio Baratello

IL FEDERALISMO: analisi, ricerche e proposte

Prefazione

Se è vero che il Federalismo è un “foedus”, un’alleanza tra soggetti diversi

laddove comune è l’intento di riorganizzare un qualcosa che si chiama “Stato”, è

pur vero, che questa alleanza deve essere vera, consapevole di ciò che si

prefigge raggiungere e cambiare, neutra da spinte politiche di parte, per non

inficiare le identità su cui poggia l’idea guida della riforma dello Stato

centrale.

Fiumi di parole, hanno attraversato l’argomento del Federalismo, focalizzandolo

sulla riforma del titolo V della Costituzione ed elaborando ipotesi di

cambiamento basate più sull’informatizzazione dell’ente territoriale, piuttosto

che affrontare una radicale riforma di cambiamento.

Per continuare la lettura, scarica il documento intero in formato PDF, disponibile a questo link.

Erogazioni alle onlus con deduzioni ampie

Le erogazioni liberali alle onlus continuano a essere deducibili nel 2017 secondo le regole del passato: fino a un massimo del 10% del reddito dichiarato (e comunque nella misura massima di 70 mila euro annui). Le nuove regole su detrazioni e deduzioni previste dal Codice del terzo settore scatteranno solo dal 2018, con effetti quindi sulle dichiarazioni 2019. È quanto prevede il maxi-emendamento al decreto fiscale, approvato dal senato giovedì scorso.

Tags: , ,

Cedolare al 10% per gli affitti brevi

martedì, novembre 21st, 2017 | Economia, Giustizia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

Cedolare secca al 10% (in luogo del 21%) sugli affitti brevi per i proprietari che scelgono di avvalersi dell’intermediario come sostituto d’imposta, con l’obiettivo di far emergere gli affitti in nero. L’aliquota ridotta si applicherà anche agli affitti conclusi tramite piattaforme elettroniche come Airbnb. Le novità sono contenute nel fascicolo di circa 730 emendamenti alla Manovra 2018 segnalati dai gruppi parlamentari e su cui si concentrerà il lavoro della commissione bilancio.

Tags: ,

Esportatori registrati REX: le regole illustrate dall’Agenzia delle Dogane

L’Agenzia delle Dogane ha pubblicato le istruzioni per l’indicazione nelle dichiarazioni doganali di importazione delle attestazioni di origine (sistema REX), delle certificazioni d’origine (Modulo A -utilizzabile nel periodo transitorio) e delle dichiarazioni d’origine su fattura, nonché per la registrazione nel sistema REX degli esportatori nazionali (Nota n. 61168/RU).

Tags: ,

Split payment: esigibilità dell’imposta

La nuova disciplina della scissione dei pagamenti presenta, rispetto a quella precedente, alcune novità anche dal punto di vista dell’esigibilità dell’imposta. La regola generale resta quella già operativa in passato: l’imposta diviene esigibile nel momento del pagamento dei corrispettivi. La novità è rappresentata dal fatto che le Pa e le società acquirenti possono optare per l’esigibilità dell’imposta anticipata, oltre che al momento della ricezione della fattura, anche al momento della registrazione della fattura di acquisto. La registrazione dovrà avvenire ai sensi dell’articolo 25, comma 1, Dpr 633/1972. La scelta per l’esigibilità anticipata potrà essere fatta con riguardo a ciascuna fattura ricevuta/registrata. Al fine, rileva il comportamento concludente del contribuente.

Tags: , ,

Ambito oggettivo del nuovo Split payment

Altra novità, circa l’ambito di applicazione della scissione dei pagamenti, riguarda la liquidazione dell’Iva secondo la contabilità di cassa (articolo 32-bis, Dl 83/2012). L’Agenzia, nella circolare n. 27/E, chiarisce che prevale la disciplina dello split payment e, pertanto, i fornitori di Pa e società non potranno ricondurre le operazioni effettuate nei confronti di quest’ultimi nella liquidazione dell’Iva per cassa, ma dovranno emettere fattura ai sensi dell’articolo 17-ter, Dpr 633/1972.

Tags:

Ambito oggettivo del nuovo Split payment

martedì, novembre 21st, 2017 | Articoli, Economia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

Una delle principali novità della disciplina applicabile dal 1° luglio 2017 è rappresentata dall’applicazione della scissione dei pagamenti anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito. Si tratta, ad esempio, delle prestazioni di lavoro autonomo rese da professionisti o ancora delle prestazioni di agenzia. A fronte dell’ampliamento dell’ambito soggettivo di applicazione della nuova disciplina della scissione dei pagamenti, l’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 27/E, ha individuato nuove fattispecie escluse, per ragioni di semplificazione, dall’applicazione del meccanismo. In breve: •le operazioni certificate dal fornitore mediante rilascio della ricevuta fiscale; gli acquisti per i quali i cessionari o committenti sono debitori d’imposta ai sensi delle disposizioni in materia d’imposta sul valore aggiunto; le operazioni effettuate da fornitori nell’ambito di regimi Iva speciali; le fattispecie nelle quali la pubblica amministrazione non effettua alcun pagamento del corrispettivo nei confronti del fornitore; le operazioni esonerate dall’obbligo di certificazione fiscale, in relazione alle quali i corrispettivi sono annotati nel registro disciplinato dall’articolo 24, Dpr 633/1972; le operazioni in cui il soggetto passivo acquirente (esportatore abituale) intende avvalersi del plafond per l’effettuazione di acquisti senza pagamento dell’imposta; le operazioni in cui il fornitore ha già nella propria disponibilità il corrispettivo spettantegli, in forza di un provvedimento giudiziale; le operazioni svolte tra Pa e società ogni qual volta l’assenza di pagamento del corrispettivo nei confronti del fornitore trova la sua giustificazione nella compensazione tra contrapposti rapporti di credito; le operazioni permutative; le operazioni rese in favore dei dipendenti nell’interesse del datore di lavoro.

Tags:

Stampa a richiesta dei libri Iva

martedì, novembre 21st, 2017 | Articoli, Economia, Giustizia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

I libri Iva obbligatori (artt. 23 e 25, dpr 633/1972) si possono stampare a richiesta degli organi di controllo. Gli stessi sono da considerarsi aggiornati anche se, in sede di accesso, ispezione o verifica, le registrazioni sono presenti esclusivamente sui sistemi elettronici e non sui supporti cartacei, superando il termine massimo per la stampa, attualmente previsto nei tre mesi, dalla data di presentazione delle dichiarazioni. La semplificazione è introdotta dal maxiemendamento al dl 148/2017, all’interno delle disposizioni in materia di riscossione.

Tags: , ,

Rottamazione: ammessi i ruoli 2000-2016 consegnati alla riscossione

martedì, novembre 21st, 2017 | Articoli, Economia, Giustizia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

La rottamazione riammette anche gli indecisi che non avevano aderito per i ruoli consegnati all’agente della riscossione tra il 2000 e il 2016; sono ampliati i termini per aderire all’istituto e per effettuare i pagamenti. Questo quanto emerge dall’ultimo emendamento al disegno di legge di conversione del dl 148/2017. Sono confermate le tre nuove possibilità di definizione agevolata: la riammissione all’istituto per coloro che nonostante fossero stati ammessi alla rottamazione non hanno pagato gli importi dovuti nei termini di legge; l’ammissione alla nuova rottamazione, per coloro che avevano carichi pendenti rateizzati al 24 ottobre 2016, e non erano stati ammessi alla definizione agevolata a causa del mancato tempestivo pagamento di tutte le rate dei piani rateali scadute al 31 dicembre 2016; l’apertura della rottamazione ai carichi consegnati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017.

Tags:

Fisco: riscossione in crescita

martedì, novembre 21st, 2017 | Articoli, Economia, Giustizia, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

L’attività 2017 dell’Agenzia della riscossione è superiore rispetto alle previsioni, nonostante la flessione della riscossione ordinaria per il periodo interessato dalla rottamazione dei ruoli. Lo si legge nella relazione tecnica che accompagna le correzioni al decreto legge fiscale (148/17) approvato dal Senato con la fiducia sul maxiemendamento del governo.

Tags:

Professionisti: paga i danni chi eredita le pratiche dello studio

venerdì, novembre 17th, 2017 | Articoli, Economia, Giustizia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

La Corte di Cassazione – sentenza n.26834 del 14 novembre 2017 – afferma che il professionista che eredita le pratiche dello studio è responsabile in solido, per i danni arrecati ai clienti, con il professionista da cui le ha ereditate. Il caso di specie riguarda due commercialisti, padre e figlio, che il Tribunale di Torino ha condannato “a titolo di responsabilità professionale, al risarcimento dei danni conseguenti a numerosi e gravi inadempimenti nonché ad espisodi di appropriazione indebita già oggetto di un precedente processo penale”. Danni causati a clienti che si erano avvalsi dei loro servizi e avevano loro consegnato una serie di assegni per il pagamento dei debiti con l’Erario, pagamenti che il Fisco non ha mai ricevuto. Cassazione, con la sentenza in argomento, asserisce che il titolare dello studio e il suo erede sono responsabili in solido dei danni arrecati ai clienti.  In sede civile la responsabilità ricade anche sull’erede delle pratiche dello studio.

Tags: , ,

Imprese sociali: presentazione delle domande per i finanziamenti agevolati

venerdì, novembre 17th, 2017 | Articoli, Economia, Giustizia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

Con il decreto del 14 febbraio 2017 il MiSE, il Mef e il Ministro del lavoro e delle politiche sociali hanno stabilito le modalità e le condizioni per ottenere l’erogazione dei finanziamenti agevolati volti a sostenere l’economia sociale, ossia l’attività delle imprese che perseguono interessi generali e finalità di utilità sociale. Con successivo decreto del Direttore generale per gli incentivi alle imprese del MiSE del 26 luglio 2017 sono stati individuati i termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazione. I beneficiari possono ottenere un finanziamento agevolato per realizzare dei programmi di investimento volti alla creazione e allo sviluppo di imprese operanti nell’ambito dell’economia sociale, in qualunque settore e su tutto il territorio nazionale. I programmi di investimento devono contenere spese ammissibili di importo ricompreso tra i 200mila e i 10 milioni di euro, al netto dell’IVA. Il finanziamento deve avere una durata non superiore a 15 anni, al tasso agevolato dello 0,5%, comprensivo di un periodo di preammortamento massimo di 4 anni. La domanda di agevolazione deve essere redatta in formato elettronico, sottoscritta dal legale rappresentante dell’impresa o da un suo procuratore mediante firma digitale, presentata al Ministero a partire dalle ore 10,00 del 7 novembre 2017, a mezzo PEC, all’indirizzo es.imprese@pec.mise.gov.it

Tags: ,

Via libera del Senato al decreto fiscale

venerdì, novembre 17th, 2017 | Articoli, Economia, Giustizia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

Con 148 sì, 116 no e nessun astenuto il Senato ha votato la fiducia sul testo del disegno di legge di conversione del decreto fiscale (dl 148/2017), ora il ddl è atteso alla Camera. Tra le novità, viene prevista la facoltà di rendere lo spesometro semestrale e viene fortemente esteso il campo di applicazione della rottamazione delle cartelle: rispetto all’attuale D.L. si potranno anche estinguere i carichi affidati nel periodo 2000- 2016, anche se non sono stati oggetto di dichiarazione.

Tags:

Entrate in crescita nei primi nove mesi dell’anno

venerdì, novembre 17th, 2017 | Articoli, Economia, Giustizia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

Il DEF ha pubblicato l’aggiornamento sulle entrate tributarie e contributive. Il totale degli incassi è pari a 8.436 milioni di euro, relativamente ai primi nove mesi del 2017; il dato corrisponde a +1,8% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. L’IRPEF ha fruttato 132.890 milioni di euro, corrispondenti ad un aumento dell’1%. L’IRES è risultata pari a 17.887 milioni di euro (-573 milioni di euro, pari a -3,1%), mentre l’IVA ha registrato entrate per 87.074 milioni di euro (+2.367 milioni di euro, pari a +2,8%). Le entrate dell’INPS sono state pari a 152.427 milioni di euro.

Tags: ,

Scuola: cinque anni senza contributi fanno perdere l’anzianità

venerdì, novembre 17th, 2017 | Articoli, Economia, Giustizia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

Il “servizio” non basta agli insegnanti di scuole private e paritarie per maturare il diritto alla pensione. Trascorsi cinque anni senza versare contributi fa perdere per sempre l’anzianità, anche quando sia possibile provare d’aver insegnato. La novità è segnata nella circolare n. 169 del 15 novembre 2017 emessa dall’Inps.

Tags: , , , ,

Lavoro: stop al contante per il pagamento delle retribuzioni

venerdì, novembre 17th, 2017 | Articoli, Economia, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

Dipendenti e co.co.co. non potranno più essere pagati in contanti, ma esclusivamente con bonifico, assegno o disposizioni di pagamento alle banche e poste. Il fine è contrastare la pratica di corrispondere, sotto il ricatto del licenziamento, retribuzioni inferiori ai minimi di legge, facendosi firmare il cedolino con l’importo pieno. Lo prevede un ddl approvato alla camera, che passa ora all’esame del senato. Le nuove norme prevedono una sanzione da 5 mila a 50 mila euro e rendono inoltre irrilevante la firma apposta sul cedolino quale prova di pagamento della retribuzione. Non si applicheranno alle famiglie, per colf e badanti, e alle pubbliche amministrazioni.

Tags: , , , , ,

Cassazione: la cassa “negativa” equivale a “nero”

Per la Corte di Cassazione, la cassa in negativo rappresenta un ricavo in nero per il relativo ammontare e senza ulteriori oneri a carico dell’amministrazione finanziaria. Tanto è scritto nella sentenza 27041/17. Il caso tratta di un atto di accertamento, emesso in seguito ad un accesso della Guardia di finanza, che aveva rettificato il reddito di impresa in seguito ad un’annotazione cumulativa delle fatture, in epoca successiva all’emissione, senza rispettare le disposizioni contenute nel dpr 600/1973, che impongono l’annotazione in ordine cronologico, sulla base della relativa emissione. In aggiunta, l’ufficio territoriale sosteneva che, l’esistenza di un saldo di cassa negativo costituisse una prova presuntiva idonea dell’omessa contabilizzazione di ricavi, con ribaltamento dell’onere probatorio in carico al contribuente. Un saldo cassa negativo, oltre a rappresentare una classica anomalia contabile, evidenzia l’omessa contabilizzazione di attività, almeno per l’ammontare equivalente al disavanzo (Cassazione, sentenze 27585/2008 e 24509/2009). La Corte censura l’affermazione che il saldo di cassa si esaurisce nell’ambito puramente finanziario della contabilità, conferma il ribaltamento dell’onere probatorio e rinvia la causa ad altra sezione della commissione regionale, che dovrà uniformarsi alle indicazioni espresse dai giudici di legittimità.

Tags: ,

Registri Iva: ok alla tenuta in formato elettronico

Ok ai registri Iva e documenti relativi a fatture e acquisti tenuti in formato elettronico, purché sempre aggiornati. È questa una delle semplificazioni inserita all’ultimo minuto nel testo del decreto fiscale (148/2017) approvato martedì notte dalla commissione bilancio del senato.

Tags: ,

Zona franca della Lombardia: agevolazioni per il 2017

giovedì, novembre 16th, 2017 | Articoli, Economia, Finanza, Lavoro, Notizie Fiscali, Sentenze | Nessun commento

Nei comuni della Lombardia interessati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012, la legge di stabilità 2016 ha istituito una zona franca, il cui perimetro comprende i centri storici o i centri abitati dei comuni di San Giacomo delle Segnate, Quingentole, San Giovanni del Dosso, Quistello, San Benedetto Po, Moglia, Gonzaga, Poggio Rusco e Suzzara (articolo 1, comma 445, legge 208/2015). Alle microimprese presenti in tali Comuni sono riconosciute agevolazioni sotto forma di esenzioni fiscali. Il Mise, con la circolare n. 171549 del 15 novembre 2017, ha diramato le istruzioni per accedere alle agevolazioni. Le microimprese interessate sono tenute a presentare un’apposita comunicazione a partire dal prossimo 20 novembre.

Tags: ,

TFR: aggiornamento di ottobre

A ottobre il coefficiente di rivalutazione del trattamento di fine rapporto è 1,698654. L’indice dei prezzi al consumo calcolato dall’Istituto nazionale di statistica, con esclusione del prezzo dei tabacchi lavorati, è al valore di 100,9.

Tags:

Search